Food Traveling: INDIAN STREET FOOD

Vegetarian Recipe: DOUBLES WITH CURRY-COCONUT CHICKPEAS

Barbados 2019

(Versione italiana di seguito)

Pretty ignorant as we are, we would have never expected to find Indian food and flavours in an island of the West Indies (perhaps the name should have prompted some incidental doubts). The hardly changed facial features of the Roti shops’ owners suggests how the Indian communities have preserved a certain unity, both in gastronomic and demographic terms, throughout their centenary permanence on the island. First Indian newcomers, mostly West Bengals, came up to Caribbean islands at the beginning of the 19th century, after the end of slavery. First to set up in Bridgetown was a muslim trading man. He start a business buying products in the capital city and selling them to people in country side who have troubles for reach the town. Most of following newcomers setting up in Barbados will marry local women, creating new muslim families.

 

049-01 (1)

THE ROTI DEN, ST JAMES, BARBADOS

Perched on the awesome island’s west coast, right before Holetown, we find this Indian cuisine outpost. Is a family run restaurant, something we really like and you’ll get serve by an energetic mum or by the very friendly Samira, her daughter. Is an order at the counter style but you have four or five big tables indoor for eat, a couple of sofas to chill and two outdoor tables on the front of the shop. Their are famous for “roti” of course: they can remember our Italian “piadina” but thinner and not airy as them. Here on Barbados they are made of flour, split peas flour, water and shortening and they are not leavened. They are traditionally cooked on a “tawa”, black iron round plate with no sides. You can also cook them on a regular iron pan or a griddle. You pour already cooked ingredients on those pizza size bases, you fold it and you flip with a plate on the top, or any flat surface.

You have a huge selection for fill up your roti skin here at The Roti Den: curried chicken stew, curried potatoes, stewed chickpeas, stewed squash, dark and saucy beef stew, local lamb “black belly” and stewed goat. They keep the food in a warmer “bain-marie” so you have just to pick up your fillings and the roti will be ready in less than a minute. Curried chicken is really good, tender and not dry at all like too often can be a curried chicken. Spice flavour is of course well intense but not exaggerated and they are good quality spices as you’ll not have a chemical back taste. We always add potatoes and chickpeas as they bring with their sauce a liquid component in your mouth, soaking chicken and roti skin. Half roti should be enough for a meal, is a good meal! Beef is nice too, tender and tasty with a thick and dark, spiced but not hot sauce. Always add potatoes to the meat, that gives more freshness in your mouth. Best combination for us is goat and potatoes, also because is not easy to find around this kind of meat. Don’t be scary of little bones you’ll find, that’s the way they process goat here and bones always give more taste to stew. Sauce is not too dark, well spiced but not hot and meat is very tender, being this tipe of goats a small size ones.

20190321_105612-01

For those who don’t want to eat gluten or are celiac, you can order all meats and vegs with whit a rice side. They also have “specials” every day, but we didn’t try them. If you can get there early or late, when is not too busy, you have to order french fries, freshly cut and fried, or fried plantain, also fried at the order. If you’ll have to wait cause the shop is packed and there’s a little line up at the counter for take away orders, don’t panic: local beer and “rum punch” available.

https://goo.gl/maps/G9sAGzBgMFs

https://www.facebook.com/therotidenbb/

 

LISA’S DOUBLES, WORTHING, BARBADOS

20190321_131058-01

Is mostly a dish from the nearby island of Trinidad and Tobago but we found this spot in Barbados and we are really happy about that. Lisa and her husband they set up a tent surrounded by three low screens, right on the main street and they set up a small counter where they keep cool the ingredients. They are pretty busy at lunch time cause their doubles as well as being really tasty, they are cheap. A double is build with two “bara” breads filled with vegetarian stuffing and folded.

 

“Bara” bread looks like a small focaccia of about ten centimeters in diameter. The characteristic yellow color of the dough is given by adding some spices like curcuma, curry and cumin. Unlike roti, double is a leavened bread, so they get more airy in the middle. They are finally deep fried in oil (that’s why more delicious). You can easily taste a sweet note cause they add sugar in the dough. The traditional filling is curried chickpeas, cucumbers, onions and hot sauce, refreshing the mouth after the grease of fried dough. Finally, as a street food is really tasty and a balanced snack in nutrients, as well containing the four elements that makes a dish complete: grease of the oil, acidity from the onions, sweetness from the dough and salty side from seasoning. Buon Appetito.

20190321_131040-01-01

https://www.facebook.com/pages/category/Restaurant/Lisas-Doubles-Roti-130640064390709/

https://goo.gl/maps/cX8kZNPXf3L2

DE ROTI SHOP

007

Located on the south coast, just before Oistins, this Guyanese run shop is a kitchen with a hot buffet on a house of the main road. Is a take away business and there’s no table for eat a part for a big table outside. Something really nice of this shop is variety of veggies you can match with your meat , or not, for fill up your roti. Main protein is curried chicken, yellow looking pulled chicken. Available also a beff or a lamb stew, both in a dark sauce. As veggies: local stewed squash, okra, spinach, green beans and chickpeas. Make a mix with all of them in your Roti. You can also order meat or vegs as a main course, matching with rice, rice and spinach or chow-mein. Don’t miss their fresh homemade juices. Our favourite is the ginger one, spicy but not too much.

20190326_112149-01

https://goo.gl/maps/W2Kt9CWSrGN2

https://www.facebook.com/De-Roti-Shop-488123891336040/

 

Vegetarian Recipe: BARA BREAD WITH COCONUT CHICKPEAS

FOR THE “BARA” BREADS

– 200 gr of flour

– 80 gr of warm water

– 1 tsp of curry or ground tumeric

– 1 tsp cumin

– 1 tsp dry yeast

– 1/2 tsp salt

– Oil for fry

Activate yeast in water with sugar for about 10 minutes. In another bowl mix flour  with all the spices but salt. After 10 minutes are gone, add half of the flour to the liquid and stir. Add salt and the other half of flour little by little, always stirring and kneading. When the dough is ready, let him rise covered with a towel or a lid, in a warm place for 60-90 minutes. When the time is gone, divide the dough in 8 pieces about 35 gr each. Heat the oil at 165°C. Roll the dough in small 10 cm diameter rounds, with hands before, with a rolling pin after and deep fry them.

20190321_131332-01

FOR THE FILLING

– 200 gr dry chickpeas

– 200 ml coconut milk

– 80 gr cucumber

– 2 onions

– 1 lime

– 1 fresh chilli pepper

– 50 gr of fresh ginger

– Saffron

– 2 tbsp of curry powder

– EVO

– Salt

– Freshly ground black pepper

– Veggie stock

Soak the chickpeas in cold water for at least 8 hours. Peel and slice ginger and cut chilli pepper in big chunks. Boil for 10 minutes coconut milk, ginger, chilli, lime juice and a ladle of stock.

Chop very finely the 2 onions keeping them separate. Melt the saffron in half cup of warm water. Chop cucumber in small cubes. Heat a pot with a thick bottom. When hot, add EVO and 1 chopped onion right away. When is golden brown add curry powder, stir for few seconds then add strained chickpeas. Season with salt and pepper, then add the coconut broth previously strained, saffron and a ladle of stock. Reduce the liquid till a creamy consistency. Mix cucumber and onion and season with salt and a sprinkle of lime juice.

Place 2 spoons of chickpeas on the “bara” bread, cover with cucumber and onion mix and gobble.

Cibo e Viaggi: STREET FOOD INDIANO ALLE BARBADOS

Ricetta Vegetariana: PANE “BARA” AI CECI STUFATI AL COCCO

Barbados 2019

Abbastanza ignoranti come siamo, mai ci saremmo aspettati cibi e sapori indiani su un isola delle West Indies (forse il nome ci avrebbe dovuto far sorgere il dubbio). Anche la fisionomia di poco mutata dei gestori delle rivendite di Roti (il piatto in questione), mostra come la comunita’ indiana sia riuscita a mantenere inalterata sia una cultura gastronomica, sia una presenza etnica sull’isola. I primi migranti Indiani, soprattuto Bengalesi, arivarono agli inizi del novecento nelle isole caraibiche, dopo l’abolizione dello schiavismo. Il primo ad installarsi a Bridgetown nel 1913 fu un mussulmano incline alle attivita’ commerciali, che inizio’ ad acquistare prodotti nella capitale da distribuire agli abitanti delle campagne che avevano difficolta’ a rendersi in citta’. La maggior parte dei migranti successivi sposarono donne locali, creando nuove famiglie perlopiu’ musulmane.

049-01 (1)

 

THE ROTI DEN, ST JAMES, BARBADOS

Appollaiato sulla bellissima costa ovest dell’isola, poco prima di Holetown, troviamo questo piccolo avamposto di cucina Indiana. Il locale è a gestione familiare, una cosa che amiamo molto, ed a servirvi saranno l’energica madre o la simpaticissima Samira, la figlia. Si ordina al bancone ma ci sono grandi tavoli all’interno per sedsersi a mangiare ed un comodo divano, piu’ un paio di tavoli all’esterno. La specialita’ sono ovviamente i Roti: ricordano nella forma le nostre piadine, ma sono piu’ sottili e non aerate all’interno. Qui alle Barbados vengono fatte con acqua, farina, farina di piselli e grasso vegetale (shortening) e non sono lievitate. Tradizionalmente vengono cotte su una “tawa”, come una padella di ferro nero rotonda ma senza bordi ed ovviamente un manico. Possono anche essere cotti su una padella di ferro qualunque o una piastra. Su queste basi dalla larghezza di una pizza tonda, vengono posti al centro gli ingredienti gia’ cotti della farcitura, chiuse a fazzoletto e capovolte con l’aiuto di un piatto o qualsiasi utensile piatto. La scelta è ampia qui a Roti Den per riempire il vostro roti: spezzatino di pollo al curry, patate al curry, ceci stufati, zucca stufata, spezzatino di manzo in salsa scura, stufato di capra locale e spezzatino di agnello “black belly”, una razza molto presente sull’isola. Le pietanze sono poste in un lungo bagnomaria gia’ calde, quindi basta scegliere gli ingredienti ed il vostro roti sara’ pronto in meno di un minuto. Il pollo al curry è veramente buono, tenero e non secco come spesso è uno spezzatino di pollo. Il curry ovviamente è molto presente ma non esageratamente e le spezie sono di buona qualita’ quindi non hanno quel retrogusto di chimico. Noi aggiungiamo sempre al pollo patate e ceci che con la loro salsa apportano una nota liquida in bocca andando a bagnare il pollo e il roti. Vi assicuro che meta’ di questo pasto completo e sarete gia’ soddisfatti. Il manzo è molto buono anche, con una salsa scura e speziata ma non piccante, tenero e saporito. Aggiungete sempre le patate alla carne, rinfrescheranno la consistenza in bocca. L’accostamento che abbiamo preferito è lo spezzatino di capra e patate, anche perchè è una carne che non si trova facilmente in giro. Non fatevi impressionare dalle piccole ossa presenti nello spezzatino, è cosi’ che viene macellata e tagliata qui la capra e le ossa danno sempre piu’ sapore agli stufati. La salsa non è molto scura, ben speziata ma non piccante e la carne è molto tenera, essendo questa razza di capre di piccola taglia.

20190321_105612-01

Per chi non avesse voglia di mangiare glutine o fosse celiaco, tutte le carni e i legumi possono essere ordinati con accompagnamento di riso. Propongono anche degli speciali del giorno ma noi non li abbiamo mai provati. Se invece riuscite ad andare in un orario non di punta, quando il locale non è pieno, vi consigliamo di ordinare le patatine fritte, fresche e fritte al momento o i platani fritti, anch’essi fritti alla comanda.  Se c’è da aspettare perchè il locale è pieno e c’è una piccola fila di persone al bancone che aspettano ordini a portare via, niente panico: birra locale fresca e “rum punch” disponibili.

https://www.facebook.com/therotidenbb/

https://goo.gl/maps/ti75p8VbLV92

 

LISA’S DOUBLES, WORTHING, BARBADOS

20190321_131058-01

Troviamo questa specialita’ soprattutto sulla vicina isola di Trinidad and Tobago, ma abbiamo scovato questo spot qui alle Barbados e ne siamo molto felici. Lisa ed il marito hanno installato semplicemente una tenda e due paraventi bassi di legno sul ciglio della strada ed hanno montato un piccolo bancone di legno dove tengono al fresco gli ingredienti. All’ora di pranzo c’è un gran via vai, perchè i loro snack oltre che essere molto buoni, somo anche molto economici.  I doubles sono costituiti da due pani “bara” di origine Indiana ed il loro ripieno vegetariano. I “bara” sono delle focaccine di acqua e farina del diametro di circa dieci centimetri. Nell’impasto vengono inserite alcune spezie, cumino, curry o curcuma per dargli quel caratteristico colore giallo acceso. A differenza dei roti, i doubles vengono lasciati lievitare ed hanno percio’ una consistenza piu’ aerosa. Particolarita’ che li rende ancora piu’ appetitosi, è la frittura nell’olio come procedimento di cottura. L’impasto è arricchito con zucchero, dunque ben presente una nota dolce nelle frittelle. Per il ripieno troviamo qui tradizionalmente ceci stufati al curry, cetriolini, cipolle e salsa piccante, che allegeriscono e rinfrescano la nota grassa della frittura. Insomma come cibo da strada è veramente appetitoso e contiene tutte le note gustative che rendono un piatto completo oltre che un nutrimento abbastanza equilibrato.

20190321_131040-01-01

https://www.facebook.com/pages/category/Restaurant/Lisas-Doubles-Roti-130640064390709/

https://goo.gl/maps/52UkLTRAz1C2

 

DE ROTI SHOP

007

De roti shop è situato sulla costa sud, poco prima di Oistins. È gestito da simpatici e vispi Guyanesi, che hanno allestito una cucina con buffet caldo in una casa sulla strada principale. È un punto di ristoro focalizzato sul “a portar via” non essendoci tavoli disponibili per consumare in loco, tranne una grande tavola all’esterno. La particolarita’ di questo ristorante è sicuramente la varieta’ di verdure disponibili da affiancare alla carne, o no, per farcire il vostro Roti. Protagonista tra le carni sicuramente il pollo al curry, del pollo sfilacciato e giallo speziato. Disponibili anche uno spezzatino di manzo in salsa scura e dell’agnello, sempre in salsa. Tra i legumi: zucca locale stufata, okra, spinaci, fagiolini e ceci. Mettete un assaggio di tutto nel vostro roti. Potete anche avere la carne o la verdura come piatto principale, accompagnata da riso, chow-mein o riso agli spinaci. Da assaggiare anche i loro succhi freschi fatti in casa. Il nostro preferito è quello al ginger, piccante ma non troppo.

20190326_112149-01

https://www.facebook.com/De-Roti-Shop-488123891336040/

https://goo.gl/maps/tg4jJuX7oJq

Ricetta Vegetariana: PANE “BARA” AI CECI STUFATI AL COCCO

INGREDIENTI PER IL PANE

– 200 gr di farina

– 80 gr di acqua tiepida

– 1 cucchiaino di curry o di curcuma in polvere

– 1 cucchiaino du cumino

–  1 cucchiaino di lievito secco

– Mezzo cucchiaino di sale

– Olio per friggere

Attivate il lievito nell’acqua calda e zucchero per una decina di minuti. In un altro contenitore mescolate la farina con le spezie tranne il sale. Passati i dieci minuti aggiungete meta’ della farina al liquido girando. Quando è amalgamata entrate con il sale e con il resto della farina. Impastate fino ad avere un impasto omogeneo. Lasciate lievitare in luogo caldo al riparo dalle correnti d’aria, coperto da un canovaccio, per 60-90 minuti. Passato il tempo, abbassate l’impasto gonfiato e dividetelo in palline da 35 gr circa. Scaldate l’olio a 165°C. Stendete le palline in dischi di 10 centimetri, prima con le dita poi con un mattarello e friggetele.

20190321_131332-01

PER IL RIPIENO

– 200 gr di ceci secchi

– 200 ml di latte di cocco

– 80 gr di cetriolo fresco

– 2 cipolle

– 1 lime

– 1 peperoncino fresco

– 50 gr di zenzero fresco

– Zafferano

– 2 cucchiai di curry in polvere

– Evo

– Sale

– Pepe nero macinato fresco

– Brodo vegetale

Ammollate i ceci in acqua fredda almeno 8 ore. Passato il tempo, sbucciate e affettate lo zenzero e tagliate il peperoncino in grossi pezzi.  Fate bollire per 10 minuti il latte di cocco con il peperoncino fresco, lo zenzero e il succo di lime ed un mestolo di brodo.

Tritate finissime le due cipolle tenendole separate. Sciogliete lo zafferano in poca acqua tiepida. Tagliate il cetriolo in cubetti piccolissimi. Scaldate una pentola dal fondo alto. Quando è calda entrate con l’EVO e 30 secondi dopo con 1 cipolla tritata. Quando è ben imbiondita, entrate con il curry e subito dopo con i ceci scolati. Salate e pepate girando sempre, poi entrate con il brodo di cocco filtrato, lo zafferano ed un mestolo di brodo vegetale. Lasciate sobbolire scoperto fino a ridurre il liquido in una crema. Mescolate cetriolo e cipolla condendo con sale ed una spruzzata di lime.

Mettete due cucchiai di ceci sul pane “bara”, spolverate di generoso cetriolo e cipolla e strafogatevi.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s